Gianpaolo Iannicelli

Memoria collettiva, identità e negoziazione sociale del passato

Con lo studio di un caso

 

Pagine 180, formato 23 cm, anno di pubblicazione 2010,

prezzo di copertina € 13,00, ISBN 978-88-86908-97-9.

 

Il campo degli studi sulla memoria, con tutte le sue prospettive teoriche e disciplinari, non ha mai smesso di germogliare; né è immaginabile che ciò possa avvenire ora, in quest’epoca che pare afflitta da una sorta di ossessione memoriale, da un desiderio spasmodico di conservare, archiviare, registrare - reso possibile da un arsenale tecnologico mai visto prima nella storia - che non sempre e non immediatamente significa ricordare, fare memoria, costruire delle identità.

Ciò premesso, il presente lavoro oltre a tentare di fare il punto dello stato attuale della riflessione scientifica in materia e di coglierne gli sviluppi più recenti, può assumere il valore di una lucida riflessione su alcune questioni che riguardano più in generale l’analisi culturale della società attuale.

 

Gianpaolo Iannicelli (Napoli, 1973) è professore a contratto di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università di Napoli “Federico II” e dottore di ricerca in “Sociologia e ricerca sociale”. Si occupa prevalentemente di comunicazione, memoria, identità e culture quotidiane, avendo pubblicato diversi saggi e articoli su queste tematiche. Ha partecipato alla ricerca Culture quotidiane. Addomesticare lo spazio e il tempo coordinata da Giuliana Mandich e Paolo Jedlowski; é inoltre co-traduttore del libro Thinking Sociologically di Zygmunt Bauman e Tim May (Pensare sociologicamente, Ipermedium libri, 2003) e co-autore con Alexander Hobel di La strage del treno 904. Un contributo dalle scienze sociali (Ipermedium libri, 2006).

 

Copyright © 2000-2010  Ipermedium libri